Perché è meglio non pubblicare foto di cani vestiti da umani

Sui social media non sono rare le foto di cani “vestiti” da esseri umani, magari seduti a un tavolo da pranzo con abiti diversi, o occhiali da vista e da sole. Ma è davvero così divertente e simpatico pubblicare foto di animali vestiti in scenari innaturali sui social media?

“Le persone ne stanno facendo sempre di più perché, naturalmente, trascorrono sempre più tempo online” – ha dichiarato il professore associato Pauleen Bennett, direttore del Dipartimento di psicologia e consulenza della La Trobe University. “Adesso gli animali fanno molto più parte della famiglia, e quindi invece di vestire i nostri bambini… vestiamo i nostri animali domestici”.

Tuttavia, molti esperti ricordano che mentre fotografare animali nel loro stato naturale è una cosa positiva, lo stesso non può certamente dirsi nel vestirli e forzarli in scenari innaturali. “Pubblicare una foto del tuo cane e gatto vestito o truccato, per un sacco di persone potrebbe sembrare davvero divertente” – ha specificato l’ufficiale scientifico della RSPCA, Bronwyn Orr – “Ma ovviamente va completamente contro la dignità dell’animale e i loro bisogni e istinti naturali”.

Intuibilmente, nella maggior parte dei casi i proprietari di animali domestici non stanno certamente cercando in modo intenzionale di mettere il proprio animale a disagio, volendo impiegare bonariamente il proprio pet per creare connessioni sociali.

Tuttavia, la RSPCA consiglia alle persone che pubblicano e che seguono gli animali domestici sui social media, di domandarsi innanzitutto che cosa gli animali vorrebbero. “Molte persone hanno reali difficoltà a leggere il linguaggio del corpo dei loro animali e sapere esattamente cosa vogliono e quando sono angosciati” – prosegue, facendo poi riferimento al fatto che in molte foto gli animali appaiono effettivamente a disagio. Orr rammenta ad esempio che un cane può mostrare segni di essere a disagio o angoscia tirando le orecchie e la faccia all’indietro, o mostrando un maggior bianco nei loro occhi.

Insomma, quel che può essere apparentemente divertente, come fare una foto al proprio cane vestito da bambino, potrebbe in realtà non esserlo affatto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi