Un cane può dimenticarsi delle persone?

Può un cane dimenticarsi di una delle persone con cui magari ha condiviso degli anni, solo perché questa persona si allontana per un lungo periodo di tempo? Quanto è profonda la memoria del cane?

La prima cosa che emerge è che, a quanto pare, questo aspetto della memoria del cane è difficile da studiare: la ricerca sistematica sull’argomento è quasi inesistente, ma non mancano comunque gli utili spunti su cui vogliamo brevemente soffermarci.

Per esempio, Sarah-Elizabeth Byosiere, docente e coordinatrice, Companion Animal Cognition Center, Animal Behavior and Conservation Program, presso l’Hunter College, sostiene che la maggior parte dei proprietari di animali domestici è portata ad accettare che i loro animali domestici possano ricordare le cose. Un esempio: un cane entusiasta di uscire a fare una passeggiata dopo aver visto o sentito un guinzaglio. O un cane che impara ad associare i comandi con le azioni – seduto quando gli viene detto di sedersi, ad esempio. Si tratta di esempi che riflettono la memoria semantica, un tipo di memoria esplicita, in cui vengono richiamate le informazioni apprese in precedenza.

Ebbene, la prova della memoria semantica negli animali è stata osservata in una varietà di specie. Negli studi sulla cognizione del cane, molti paradigmi sperimentali utilizzano la memoria semantica di un cane per valutare altri aspetti delle loro capacità cognitive. Tuttavia, alla domanda se “i cani possono dimenticare i loro proprietari?” non si può che chiamare in causa un altro tipo di memoria esplicita chiamata memoria episodica.

La memoria episodica si riferisce ai ricordi di eventi autobiografici – in altre parole, ricordando le esperienze personali. Endel Tulving, che ha definito la memoria episodica e semantica, ha proposto che fosse necessario un ricordo consapevole per dimostrare la memoria episodica. Dato che non abbiamo un buon modo di valutare la coscienza, noto anche come autoconsapevolezza, negli animali, è incredibilmente difficile suggerire che i cani, o altri animali, abbiano memoria episodica.

Per aggirare questo limite definitivo, i ricercatori hanno separato i criteri comportamentali richiesti per la memoria episodica dalla componente cosciente e definito questa memoria “episodica”. Usando questa definizione, i ricercatori sul comportamento animale possono ora valutare se gli animali dimostrano o meno il richiamo di eventi autobiografici. Ad oggi, ci sono prove che alcuni animali non umani, come le grandi scimmie antropomorfe e i delfini possono possedere qualche forma di memoria episodica. Ma i cani? Sono capaci di memoria episodica? Possono ricordarci o dimenticarci?

In uno studio del 2016 è emerso come i cani siano in grado di ricordare le azioni del loro proprietario, anche nei casi in cui non sono stati esplicitamente comandati di farlo. Questi risultati indicano che i cani possono avere una memoria episodica in cui i ricordi sono collegati a momenti e luoghi specifici.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi