Come scegliere i migliori alimenti per cani

puppy-1207816_1280 (1)Secondo quanto riportato nella decima edizione del Rapporto Assalco – Zoomark, il mercato del pet food nel 2016 ha fatto registrare un giro d’affari pari a 1.971 milioni di euro. La crescita rispetto al 2015 è stata del 2,7%. Con circa 559.200 tonnellate commercializzate il cibo per cani e gatti è risultato il più venduto.

Dati importanti di un mercato che pare non conoscere crisi, ma che non devono spingere i padroni di cani a comperare qualsiasi cibo in sconto senza controllare le etichette o preoccuparsi della qualità degli alimenti. I cani non possono mangiare qualsiasi cosa. Una alimentazione non corretta provoca in essi gli stessi problemi che provoca nell’uomo.

Come scegliere i migliori alimenti per cani? Nella moltitudine di marche e prodotti di ogni forma e colore, a correre in aiuto di tutti i padroni, per la salute dei loro migliori amici, ci pensa Robinson Pet Shop cibo per cani.

In generale è bene sapere che per i cuccioli sono più indicate le crocchette. Queste ultime, rispetto a quelle per i cani adulti, sono più piccole e dure e sono state create appositamente per i denti da latte. Inoltre, devono contenere circa il 28% di proteine per aiutare il cucciolo a crescere nel migliore dei modi.

Per i cani adulti, invece, ci sono vari tipi di cibo che si dividono soprattutto in secco e umido. Anche per i cani adulti sono consigliate le crocchette, perché adatte a rafforzare e pulire i denti degli animali durante il pasto. Per scegliere le crocchette migliori bisogna tener conto di età, razza e taglia del cane.

Sia che si parli di cibo secco, sia che si parli di quello umido, i prodotti migliori sul mercato sono quelli naturali, ecologici, e cruelty free o anche di origine vegetale. Per i padroni più attenti e scrupolosi ci sono poi cibi senza OGM, senza glutine e senza prodotti chimici. Come per l’uomo, anche per i nostri amici a quattro zampe la qualità del cibo è di grande importanza.

Una corretta alimentazione, inoltre, deve includere il calcio, che aiuta i denti e le ossa a crescere forti e sani, e le proteine. Nei cani adulti queste ultime devono essere presenti per il 18% del totale. Per le cagnoline incinta o in piena fase allattamento, invece, servono alimenti che contengano circa il 28% di proteine, come per i cuccioli.

Le fibre sono sempre indicate, ma in quantità limitate. Gli esperti consigliano di controllare bene le etichette e di fidarsi solo di alimenti che ne contengano fra il 2 e il 4,5%.

Sì ai cibi che annoverano tra gli ingredienti riso integrale e avena. No alla carne cruda che può veicolare degli agenti patogeni tra cui batteri e parassiti. No, infine, ai prodotti con alte percentuali di carni e derivati e anche con ceneri animali.

Se un cane si gratta, si morde, strofina il muso sul tappeto, ha un orecchio rosso o mostra un pelo meno lucido del solito, sta lanciando un segnale d’allarme. Qualche alimento potrebbe avergli causato una allergia. È bene correre prontamente ai ripari. Manzo, maiale, pollo, latte, soia e mais sono gli ingredienti più rischiosi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *