Una nuova ricerca ci dice come invecchiano i cani (e cosa possiamo fare)

In questi giorni molte ricerche ci stanno suggerendo come l’invecchiamento può influire sul nostro cervello e cosa possiamo fare per mantenere le nostre menti il più attive possibili. Ebbene, a quanto pare anche i nostri animali domestici possono diventare “smemorati” man mano che avanzano con l’età, e gli scienziati stanno scoprendo nuovi modi per aiutarli a rimanere vigili.

In particolare, un cane è generalmente considerato anziano a partire dall’età di sette anni. Ed è proprio da questa età in poi che potresti iniziare a notare che il tuo cane vuole dormire più spesso, o che magari incontra più difficoltà nel salire e nello scendere dal divano (segnale delle prime fasi dell’artrite). Oppure può diventare più scontroso, perché avverte un po’ di dolore e di disagio. Può anche iniziare a sviluppare problemi al fegato e ai reni.

Tuttavia, ciò che finora è stato meno riconosciuto, sono i cambiamenti a livello cognitivo. I cani più anziani non utilizzano al meglio il glucosio, e questo ad esempio è il motivo per cui la loro funzione cerebrale degenera. Ma come puoi sapere se il tuo cane ha iniziato a diventare smemorato?

Innanzitutto, il fatto che il cane dorma di più e non si entusiasmi per le solite cose è un segno di cambiamenti relativi alle funzioni cerebrali. La buona notizia è che i proprietari di animali domestici possono rallentare la degenerazione del cervello alimentando i loro animali domestici con prodotti appositamente formulati che contengono determinati oli botanici migliorati.

Ma non solo. Può essere d’aiuto continua a esercitarli attivamente: per molti cani andare a fare una passeggiata è il momento clou della loro giornata. Ma tieni d’occhio quanto sono rigidi al mattino e alla sera e prendi in considerazione di ridurre la lunghezza delle loro passeggiate.

Ancora, non dimenticare di dare al cane controlli regolari dal veterinario. Molti proprietari di animali domestici portano i loro animali dal veterinario solo a causa di un vaccino o se sono feriti o malati. È invece consigliabile un percorso di controlli regolari per gli animali di età superiore ai sette anni in modo da poter affrontare i problemi in anticipo.

Infine, un animale più vecchio potrebbe richiedere un letto più comodo. Considera dunque di farlo dormire dentro di notte, specialmente in inverno e, dovunque sia il suo spazio per dormire, fai in modo che sia caldo e asciutto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi