I cavalli sanno interpretare le emozioni umane

I cavalli possono leggere le espressioni facciali umane e ricordare l’umore di una persona, e riescono addirittura a interagire più positivamente alle persone che hanno visto in precedenza sorridere, mentre sono diffidenti di quelle persone che ricordano accigliate. Risultati ambiziosi, che si basano su ricerche precedenti, le quali hanno suggerito che i cavalli potrebbero riconoscere le emozioni dalla lettura dei volti umani.

In aggiunta a ciò, gli scienziati sostengono di aver scoperto che gli animali possono non solo riprendere l’umore di una persona, ma anche avere una “memoria per l’emozione” che guida le loro future interazioni con un individuo. “Quello che abbiamo scoperto è che i cavalli non solo possono leggere le espressioni facciali umane, ma possono anche ricordare il precedente stato emotivo di una persona quando li incontrano più tardi quel giorno – e, cosa fondamentale, che adattano il loro comportamento di conseguenza”, ha detto Karen McComb, un’autrice principale dello studio e professore di comportamento animale presso l’Università del Sussex. “Essenzialmente, i cavalli hanno un ricordo per l’emozione”, ha aggiunto.

Per arrivare a ciò, i ricercatori hanno mostrato a 21 cavalli una fotografia di un modello umano, mostrando un viso arrabbiato o felice. Diverse ore dopo, si sono presentati con la stessa persona in carne e ossa con un’espressione “emotivamente neutrale”. La precedente esposizione a breve termine alla fotografia è stata sufficiente a generare chiare differenze nelle loro risposte.

Di fatti, quei cavalli che avevano visto l’immagine di un modello arrabbiato, hanno osservato più a lungo l’immagine con il loro occhio sinistro, che invia informazioni all’emisfero cerebrale destro, dove vengono elaborate le minacce potenziali. Quelli a cui era stato mostrato un modello felice guardavano più a lungo con l’occhio destro, che è collegato alla parte del cervello specializzato per reazioni più positive.

“Sappiamo che i cavalli sono animali socialmente intelligenti, ma questa è la prima volta che un mammifero ha dimostrato di avere questa particolare abilità”, ha detto Leanne Proops, co-autore e docente di comportamento animale all’Università di Portsmouth. “Ciò che colpisce di più è che questo è accaduto dopo aver visto brevemente una fotografia della persona con una particolare espressione emotiva – non ha avuto un’esperienza fortemente positiva o negativa con la persona” – ha poi aggiunto.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi