Carne cruda agli animali domestici? Meglio evitare per il loro benessere…

Anche se l’abitudine di mangiare del cibo crudo sta prendendo sempre più piede, e sta finendo con il coinvolgere anche il mondo dei pet, bisogna pur sempre ricordare che dare carne cruda a cani e gatti è una prassi che rischia di portare molti più pregiudizi di quelli che si possono pensare, in riferimento alla salute dei nostri animali di affezione.

Stando a quanto rivela un recente studio condotto da un team di ricercatori dei Paesi Bassi, infatti, i prodotti a base di carne cruda sono i principali indiziati a poter essere contaminati da batteri e parassiti, con conseguente grave rischio per la salute degli esseri umani e degli animali. Dunque, anche se nutrire i propri animali domestici con carne cruda sta divenendo sempre più popolare in tutto il mondo, non solo non ci sarebbero prove dei loro benefici, bensì vi sarebbero molte prove sui potenziali rischi. Il più grande, come sopra accennato, è quello della contaminazione della carne cruda da batteri e parassiti zoonotici, che possono essere trasmessi dagli animali agli uomini.

Proprio per accertare tale pericolo i ricercatori guidati da Paul Overgaauw dell’Utrecht University, ha voluto determinare la presenza di 4 batteri e 2 specie di parassiti nella carne cruda che è possibile trovare in commercio in supermercati e negozi per animali. Analizzando ben 35 diverse tipologie di carne cruda surgelata, appartenente a 8 differenti marchi, è stato scoperto che l’Escherichia Coli O157 è stato identificato in 8 prodotti, mentre la Listeria era presente in 15 prodotti e la salmonella in 7 prodotti. Ancora, 4 prodotti contenevano il parassita dei sarcocisti e altri 4 la tenella. In 2 prodotti è invece stato trovato il toxoplasma gondii.

Per i ricercatori, nonostante le dimensioni relativamente ridotte dei campioni dei prodotti surgelati nello studio, è chiaro come le carni crude disponibili in commercio possano essere contaminate con una varietà di batteri zoonotici e parassiti patogeni che possono divenire fonte di infezioni batteriche negli animali domestici, e che se trasmette possono divenire un rischio anche per la salute dell’organismo degli esseri umani.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi